KOONESS.COM PRESENTA – A SUON DI COLORE: OPERE DI RICHARD SCHUR

Richard Schur - Lioness - 2017, acrylic on canvas, cm. 190x150

Richard Schur, nato nel 1971 a Monaco, è un artista contemporaneo di origini tedesche che vive e lavora tra Monaco e Berlino.

I suoi lavori astratti, di piccole e grandi dimensioni, sono caratterizzati dalla presenza di un codice di sempre mutevoli sequenze di colore. Alla scoperta di nuove sorprendenti armonie in questa mutua interazione di colori – dal naturale all’artificiale, dal tenue al puro – l’artista crea sereni spazi visivi.

Per Schur, l’astrazione altro non è che “un luogo di memorie personali e collettive, esperienze ed emozioni”. Egli rivela chiaramente il suo interesse nella schiettezza dell’Espressionismo, nella limpidezza dell’Hard Edge e nella precisione della pittura Rinascimentale. Gioca con il colore e l’ampiezza, termini centrali nella sua produzione artistica. Schur stesso dice dei suoi dipinti “sono quasi solo colore, e ciò che esso evoca: lo spazio visivo nei miei lavori apre le porte ad un altro spazio, quello trascendentale. Ed esattamente lì risiede ciò che mi interessa. Qualcuno potrebbe dire che la mia arte comincia dove la razionalità, dove le parole descrittive finiscono. Da qualche parte lì fuori, dove risiede il reale mistero della pittura”.

Le opere di Richard Schur, uno degli artisti della galleria newyorkese ART 3 Gallery, sono disponibili in vendita online su Kooness.com.

 

The Sound of Color: Art by Richard Schur- Richard Schur is a German artist, … Continua a leggere →

STYLE MAGAZINE 2011

This shooting was inspired by the colors of the paintings by Carla Accardi (1924-2014), queen of colors, feminist, great exponent of italian abstractionism, that in that year was celebrated by an exhibition in Catania. Ph. Michael Woolley, styling Alessandro Calascibetta.

1320_001

IL TRENCH

SEALUP_B_49

Trench, Sealup, fw 2017/18

Oggetto di culto nel cinema (da Humphrey Bogart in Casablanca, a Warren Beatty in Dick Tracy), il trench, realizzato tradizionalmente in gabardina, ma riproposto sulle passerelle in tessuti high-tech e colori vivaci, ha attraversato le epoche e resta un essenziale del guardaroba maschile.
Dall’inglese trench coat, ovvero cappotto da trincea, lo troviamo qui in due scatti. Il primo, realizzato per The Men Issue da Michele Gastl, vede protagonista un trench in cotone foderato doppiopetto della collezione fall/winter 17/18 di Sealup (foto di Michele Gastl). Nel secondo scatto, realizzato (da Federico Miletto, con styling di Luca Roscini) per il numero di gennaio/febbraio 2010 di Style Magazine, il trench è firmato Burberry Prorsum, marchio britannico che ha fatto proprio questo capo di abbigliamento, rendendolo, con la sua fodera a stampa check, un feticcio per gli amanti della moda e del vintage.
Detto anche impermeabile, con allacciatura a doppiopetto, spesso con manica raglan e cintura in vita, è un passe-partout della mezza stagione. Styling e testo di Giovanni de Ruvo

trenchstyle

Trench, Burberry Prorsum, ss 2010

Iconic in several movies (from Humphrey Bogart in Casablanca, to Warren Beatty in Dick Tracy), the trench, … Continua a leggere →

COMMERCIALE VS. REALE

falabellaBorsone e zaino Falabella in nylon eco-sostenibile, con rivestimento interno ottenuto da bottiglie di plastica riciclate.

Dalla collezione uomo ss17 Stella Mc Cartney

“Sarà al mentolo l’ultima scoria” cantava Lucio Battisti nel celebre Canto Brasileiro. Era il 1973 e non ci poteva immaginare che anche l’etica della moda sarebbe stata investita da un fenomeno analogo a quello usato per i formaggini: l’uso del marketing ecologico per vendere vestiti, calze e tutto il resto. Perché c’è una certa differenza fra l’elaborazione morale a favore del pianeta e degli esseri viventi, animali inclusi e l’uso di questi concetti in senso commerciale.

Si può obiettare che il risultato finale è buono, cioè la diffusione delle idee e il finale minor impatto sull’ambiente, ma il diritto di restare perplessi rimane, assieme ad un certo stupore fra il dire e il fare delle aziende.

Tuttavia si va avanti a piccoli passi, spesso sperimentali, spesso incerti sul sfondo finale della ricerca di un minore impatto sulla Terra. La Wolford sta mettendo a punto un tessuto ecologico che si dovrà dissolvere nell’ambiente in modo non solo da non danneggiare il verde ma di fondersi con lui. Calze e lingerie d’autore saranno prodotte con un polimero di fibra cellulosica “cradle to cradle”. Ci mangeremo i collant? Spero di no, ma se dovesse diventare utile, ne parleremo.

Riparliamo di Stella Mc Cartney, paladina del cruelty free, che ha dichiarato guerra alla plastica e lavora ad una nuova fibra tessile ricavata dai rifiuti marini. La borsa “Falabella Go”, presentata a Parigi di recente, è di questo nuovo materiale, utilizzato per produrre anche delle sneakers siglate adidas. Secondo la stilista “ ricavare abiti dalla spazzatura sarà un nuovo lusso”. Ci permettiamo di dubitarne, anche se lodiamo le intenzioni. Perché sempre di plastica si tratta, anche se riciclata. Forse sarebbe meglio trovare il modo di usare materiale naturale senza accanimenti e orrori. Forse. Luisa Ciuni

 

“The last waste will be
… Continua a leggere →

STYLE MAGAZINE 2007

It was the jubilee of the Venice Film Festival. How did Style Magazine celebrate it? With outfits inspired by Louis Garrel in the Dreamers – between Bertolucci and memories of Rodolfo Valentino. Ph. Johan Sandberg, Styling Luca Roscini.

gbstyle