SPORTWEEK 22 NOVEMBRE 2014

Immagine 1 di 4

SCHEMA LIBERO LICENZA MILITARE

Military licence. The uniform style: how many times have we looked for USA Navy shorts, a shirt with tabs or a jacket with golden buttons in second-hand markets in Camden and Brick Lane (London), Marchè aux Puches (Paris), Williamsburg (NY) or Porta Portese (Rome)? military style is always indeed a synonym of vintage. The point is how, and how much, the vintage (or its “imitations”) has to be mixed with current menswear, daring a match with the classic/formal wear. This is a little choice of suitable matches: creased shirts break the perfection of a suit, especially if the tie has the same old-fashioned taste. Same thing for the trousers: if they have a used appearance, they soften, for example, the clear silhouette of a double-breasted blazer. But pay attention to the accessories: if they are the only vintage items, they clash with the outfit that can be misconceived as neglected; so be sure to wear something else sticking to the point. Winston Churchill in the British Army officer uniform.

PINK FLAMINGOS

Maglione e camicia Paul Smith  f/w 2014/15 

Il fenicottero rosa: animale-feticcio dell’attuale collezione di Paul Smith, che campeggia su morbidi maglioni in tinta, T-shirt e camicie stampate all over. Un must-have per il fashionista che non ha paura di osare e divertirsi. A cura di Angelica Pianarosa, Foto Michele Gastl.

The pink flamingo: … Continua a leggere →

VANITY FUR

Lasciamo da parte l’uso simbolico della pelliccia, aspetto che questa rubrica ha già trattato, come esternazione di ricchezza e di potere in saecula saeculorum. Accantoniamo anche le riflessioni sull’utilizzo funzionale – si potrebbe parlare di utilizzo… vikingo – di questo materiale, in grado riscaldare e proteggere dal gelo più di ogni altro, tant’è che in un passato più o meno remoto non vi era sostanziale distinzione tra i sessi nel ricorso alla pelliccia.

Focalizziamo invece la nostra attenzione sulla componente della vanità – propensione di cui i Signori uomini certo non difettano – e, perché no, sulle intenzioni trasgressive che portano il sesso forte ad indossare capi in toto o in parte in pelliccia. Molto spesso vanità e trasgressione si sommano l’una all’altra.

Questo dato è un po’ il caposaldo dell’epopea dandy. Un dato che dunque non ci porta affatto a stupirci nel vedere gentlemen di.tutti i tempi – con Oscar Wilde immancabilmente a fare da apripista – ritratti in sontuosi cappotti di pelliccia. Stiamo parlando sia di dandy “di professione” che di dandy “per vocazione”, come Gunter Sachs, ufficialmente playboy, soprattutto quando si ritrova calato nel ruolo di fidanzato di Brigitte Bardot, la quale si scopre animalista radicale diversi decenni più tardi.

Oppure Helmut Berger, che non indossa pellicce da capogiro solo per interpretare il Ludwig viscontiano: lo fa anche a piacimento suo, memore forse del gelo alpino della sua Kitzbühel, con un intento provocatorio che certo non è solo una prerogativa solo sua.

Non si contano infatti le “wearing fur” rockstar né tantomeno gli attori: da Ringo Starr, forse il più trasgressivo tra i quattro di Liverpool a Paul McCartney, Mick Jagger, Barry Manilow, Paul Stanley dei Kiss.

E ancora: da Clark Gable a Rock Hudson, a Sylvester Stallone, questi ultimi icone indiscusse, quantomeno sul set, della virilità hollywoodiana, che in verità indossano pellicce forse più per esigenze di copione, non di rado con effetti esilaranti, giocando con notevole talento sul filo sottile che separa ed insieme raccorda mascolinità e femminilità.

Vale per Richard Burton, nato povero, figlio di un minatore gallese, che non esita a farsi ritrarre indossando un “fur coat” non tanto dissimile da quello portato dalla donna della sua vita, la sublime Elizabeth Taylor, autentica “Venere in pelliccia”. Ci “cascano” anche gli attori europei, autentici miti nelle rispettive nazioni, da Alberto Sordi a Fernandel.

E, sfoggiando pellicce su pellicce, si arriva sino alla stravaganza che identifica alcuni personaggi prima ancora della loro notorietà o del loro talento artistico E’ sufficiente pensare a Salvador Dalì o a Liberace, che in fatto di “fur glamour” non era certo secondo – né intendeva esserlo – a nessuna diva della Mecca del cinema.

Il primo pratica in verità un’eccentricità pari all’unicità della sua arte, tanto da sdoganare la sua figura ed il suo “stile di vita” anche agli occhi dell’oscurantismo franchista con cui peraltro l’artista non esita affatto a scendere a patti. Il secondo è il protagonista di un modo di porsi al pubblico – con l’immancabile contorno di pianoforti a coda candidi, candelabri, tendaggi di (finto) broccato – ben addomesticato, che incanta anche le casalinghe del Mid West.

In altri casi invece, nella scelta della pelliccia al maschile potere, vanità ed ego ipertrotrofico si sommano, con risultati che lasciano quantomeno perplessi e toccano le figure di leader dell’establishment più consolidato ed immobilista, anche se progressisti e rivoluzionari per auto-proclamazione: dal Maresciallo Tito a Breznev.

Ed è impareggiabile la parodia che di queste figure dà lo straordinario Gino Cervi nel ruolo di Peppone, in visita a Mosca, cuore del “paradiso socialista”. In sintesi: se esiste “Venere in pelliccia” – ed esiste, non vi sono dubbi –, esiste anche… “Marte in pelliccia”. Eccome! Giorgio Re

Let’s give up the symbolic use of fur … Continua a leggere →

UOMO 2002

2002. The year of the artistic resurrection of George O’ Dowd, aka Boy George. And Uli Weber photographed him for Uomo.