tom ford

IO DONNA SCHEMA LIBERO IL SINGLE PERFETTO

22-MODA-R-schema-libero_Storia6

The perfect single. In 2009 A single man, directed by Tom Ford, was out in cinemas. The cinematographic adaptation of the novel by Christopher Isherwood got an Oscar nomination and won a Coppa Volpi for Best Male Actor (Colin Firth, playing the part of the californian professor George Falconer). The novel lingers neither on the care that Falconer has for his appearance, nor on the nearly obsessive attention to details that, instead, represents a key element in the movie. Who internalized the figure of the professor thanks to Isherwood’s virtuosity, and then watched Ford’s adaptation, could have been annoyed by the softened and cold perfection of the character. The same thing happened for his bestfriend, Charlotte, interpreted by a sensational Julianne Moore. Tom Ford projected himself onto Falconer, even if he keeps the dramatic nature of the story. This would be Firth’s look (with accessories) if the story would have been set in 2016 instead of 1962. Tom Ford portrayed by Terry Richardson for Style Magazine (2009).

HARPER’S BAZAAR UOMO 1996

The pinstriped doublebreasted. The peaked lapels. The silk shirt and the scarf knotted around the neck. The first steps of masculine/feminine by Tom Ford for Gucci in the early Nineties. Top Model Larry Scott, Picture by Davide Cernuschi, Styling Alessandro Calascibetta.

getback

STYLE 2012

Marius Hordijk plays the role of a young millionaire with glamour and irony: the Tom Ford sky blu blazer, the jewels, the mirrored lenses and the “exaggerated” grooming represent the mood of the nouveau riches. An imaginary traveller looking for the great beauty of southern Italy. Ph. Michael Woolley. Styling Alessandro Calascibetta.

HARPER’S BAZAAR UOMO 1995

The first Gucci f/w designed by Tom Ford: after a long time of “abandon”, Gucci lives its best season and Ford is able to bring back to fashion the logo on bright-coloured crocodile belts, and the loafers with stirrups, made of coloured patent leather. The classic-formal wear changes. Ph. Danilo Frontini, Styling Alessandro Calascibetta.

FASHION WEEK MILANO – LONDRA – PARIGI: LA SELEZIONE INEDITA E ANTI CONVENZIONALE DI FEDERICO POLETTI PER THE MEN ISSUE

Alexander McQueen

 

Il tour de style (e anche un po’ tour de force) della moda procede secondo tappe ben definite: s’inizia da New York, poi Londra per passare a Milano e last but not least Parigi, dove è appena finita ieri la fashion week forse più intensa per numero di sfilate, presentazioni e fiere. Ogni città mostra un DNA stilistico, offrendo indicazioni su come vestiranno le donne per la prossima stagione.

Partendo da Londra, da sempre riconosciuta per una creatività più eccentrica e sperimentale, oggi la moda sembra aver preso una direzione più “commerciale”. Il rischio è percorrere una via di mezzo che potrebbe lasciare molti un po’ indifferenti o almeno perplessi. E’ un dato di fatto: Londra è oggi la capitale, dove molti firma vogliono essere presenti. Tra le griffe italiane Moschino Cheap&Chic ha sfilato con una collezione all’insegna del rosa e del rock’n roll. Abiti ironici, come le pellicce oversize e i maglioni con punto interrogativo, ma soprattutto gli accessori sempre scanzonati che sono in perfetto London Style. Londra ha fatto crescere la propria scuderia di giovani ed è oggi più combattiva che mai. Christopher Kane ha esordito con uno show di 60 look con i temi più differenti, dal camouflage al grafico, passando per il motivo floreale, uno zelo stilistico che segna il suo esordio con il gruppo PPR. Nel perseverare col tema stampe, tratto che caratterizza la scena inglese, il duo Peter Pilotto ha sviluppato motivi caleidoscopici utilizzando tecniche 3D, che rendono abiti e capispalla immediatamente riconoscibili.Sulla strada del “think print”, è da sempre il lavoro di Mary Katranzou, stilista greca con base a Londra, che colpisce sempre per magia e forza espressiva. Famosa per il modo in cui tratta disegni e stampe, per questa stagione la designer si è dedicata ai paesaggi dai toni scuri e con pochi colori. La Katranzou si è ispirata ai lavori fotografici di Edward Steichen e Alfred Stieglitz, sviluppando una poeticaimpressionista in bianco/nero senza trascurare la ricerca disilhouette e volumi inediti. Tra le sorprese della London Fashion Week Tom Ford ha sfilato per la prima volta spiazzando gli astanti con un mix di stili e ispirazioni che hanno lasciato tutti un po’ perplessi (il confine con kitsch è davvero vicino, quasi impalpabile). Una Londra in grande spolvero, ma poco underground, oggi più vicina a Milano di quanto si potesse immaginare un tempo.

Così nel passaggio a Milano – oltre ai numi tutelari che diffondono l’atteso e sacro verbo dello stile, come Prada, Dolce&Gabbana, Gucci e Armani – la parola d’ordine sembra essere stata: spazio ai giovani. Mai come in questa fashion week milanese i nuovi talenti sono stati protagonisti: da SUPER nuova fiera organizzata da Pitti Immagine e Fiera Milano a White con la mostra-omaggio al colore blu di Renato Balestra, fino alle passerelle.  Andrea Incontri ha presentato una collezione che evoca una femminilità delicata e dal sapore retrò: tubini morbidi e mai costrittivi, gonne svasate, pantaloni ampi e abiti lunghi dalla scollatura a V. Fantasie floreali effetto tappezzeria sfoggiano colori polverosi memori di un passato da ricordare. Abiti pensati per una donna passionale e dalla personalità intrigante. Sempre ricercata per il mix di materiali e lavorazioni è stata la collezione di Gabriele Colangelo, che si è ispirato all’artista Laurent Segretier e alle mille possibilità espressive del pixel. Tra i giovani promettenti e al centro dei riflettori milanesi è Fausto Puglisi, che oltre alla propria label, ha debuttato anche a Parigi come direttore creativo di Emanuel Ungaro.  La sua moda gioca sulla contrapposizione di forme e di stilemi noti, una certa ridondanza decorativa sempre riconoscibile. Un mix and match audace: le righe rugby del pull di lana si mixano al panno a stampa tartan arricchito da ricami di pietre, l’abito lungo con profondi spacchi laterali si abbina alla pelliccia e ai leggings stampati. … Continua a leggere →