Lardini

STYLE MAGAZINE 2007

Shooting inspired by 1968 and by the misinterpreted ideologies, thanks to the release in that period of the movie Cari Compagni (that then became Il Grande Sogno, The Big Dream) with Michele Placido and Riccardo Scamarcio. Ph. Michael Woolley, Styling Alessandro Calascibetta.

0190_001

STYLE TIPS #2: CRAVATTE – COME INDOSSARLE E ABBINARLE

Il secondo appuntamento di Style Tips, la rubrica dedicata al dettaglio, trasloca su The Men Issue. (Per chi si fosse perso il primo: http://style.corriere.it/moda/style-tips-le-calze-ecco-come-abbinarle/)
Questa volta l’attenzione è puntata sulle cravatte: un caposaldo dell’abbigliamento maschile, classico ma non solo.

… Continua a leggere →

STYLE MAGAZINE 2014

The set and the cinematographic lights, the pose and the suit (Lardini) remind us of the pictures of the stars of the 40s by Elisa Luxardo (Dario Argento’s mother). Ph. Luigi Miano, Styling Luca Roscini. Model James Smith.

Schermata 2016-05-09 alle 07.16.02

UNPUBLISHED 2014

Test-Portrait of Luca Argentero shot by Rankin during the making of STYLE FASHION ISSUE #1. Styling Alessandro Calascibetta; the grooming by Johnnie Biles is inspired by the hairstyles of Rodolfo Valentino. Lardini total look.

FASHION TRACEABILITY

Showroom Lardini

Sapete da dove provengono gli abiti e le scarpe che indossate? Siete certi della tracciabilità di pantaloni, capispalla, T-shirt? La risposta nella stragrande parte dei casi è no. Perchè questo dato spesso è considerato di nessun interesse, un elemento che non merita alcun approfondimento. Invece, ad un più attento ragionamento, si rivela un elemento importante sia dal punto di vista strettamente etico sia da quello ecologico. Conoscere con sicurezza da dove vengono gli abiti che si hanno addosso significa sia potere fronteggiare velocemente casi di allergie ai tessuti sia di potersi rendere conto se al prezzo dell’oggetto acquistato corrisponde un effettivo valore. Infatti, un conto è comprare una giacca termosaldata fabbricata in Asia, un conto è pagare un capo artigianale italiano; se la cifra versata è la stessa, sono molti gli elementi che non convincono; la spesa, se alta, nel caso del capo estero è iniqua. Un prodotto italiano offre concrete garanzie di essere stato eseguito seguendo le leggi, utilizzando materiale non tossico, impiegando lavoro adulto. Il resto? Spesso rimanda a paghe irrisorie, colle o fissatori pericolosi, sfruttamento dell’essere umano spesso dei minori, sfruttamento del territorio. Oggi i consumatori moderni apprezzano sempre di più di acquistare vestiti fabbricati senza commettere ingiustizie o reati e sempre maggiormente richiedono informazioni sulla provenienza dei prodotti. E anche in Italia la nuova mentalità si va affermando. Un azienda come Lardini – per non citarne che una – utilizza solo stoffe italiane per i capi maschili ricreandole in alcuni casi su antichi disegni d’archivio e alleggerendole (specie le lane) per formare abiti di taglio e leggerezza contemporanei. Le asole sono fatte a mano e un sarto attacca le maniche. Tutto il processo produttivo – dall’ideazione alla messa a punto – è italiano e rintracciabile passo a passo. La novità? Il ritorno dell’ecologico crine nell’imbottitura della spalla. Un dettaglio che fa la differenza e che è un passo avanti verso un prodotto tutto ecocompatibile. Luisa Ciuni

Do you know where … Continua a leggere →