Alexander mcqueen

IO UOMO – MASCHILE FEMMINILE

09-io-uomo-txt_9489714[1]

Feminine Masculine. Feminine/Masculine, Masculine/Feminine. Magazines have talked about this for years, fashion and show biz have represented it for decades. Art for centuries. The most discussed and bickered Sanremo Music Festival of the century bet a lot on the character/artist Achille Lauro: his look and his musical touch (the fact that he mantained the feminine version singing the cover of Mia Martini didn’t go unnoticed) entered the houses provoking dizzy spells on one side and jubilation on the other. If a message needs to be perceived and felt, it has to be screamed. The exploit of the Roman rapper won’t change the popular mind. Good job, anyway: it was a good message of change; we’ve really entered the era of the years to come. Like it or not, let’s take note. We’ve to metabolize the change or we’ll bound to get old prematurely.

SETTE MAGAZINE EN VOGUE ORA IL MASCHIO VUOLE DIVENTARE ECCENTRICO

And now the male wants to be eccentric. This week’s picture evokes lightness and summer atmosphere; it’ll be more appreciated by who’s leaving for holidays now, than who’s already come back. The three-dimensional photographic expression, given to this shot by Giovanni Gastel, gives back a kind of vitality not common in fashion pictures published on italian magazines, where the subject’s staticness usually wins. The 2011, year of this photo’s publication, and more precisely that spring/summer, represents a turning point in fashion, that from then on admits -even to male apparel- an agility sign that has gradually contaminated the formal dress: colours and prints, that literally overturn the classic austerity, have created a trend loved by a younger and international public. In collections sold now, colour shades are duller – especially on printed fabrics- and, for next summer, patterns will be more geometrical while colours will remain quite bright. Do we have to expect a U-turn or has eccentricity strenghtened not to give way to total-black return? Picture from Style Magazine (May 2011); jacket by Etro and scarf by Alexander McQueen.

STYLE 2011

S/S 2011 was the first season of all over prints, a trend that lasts. For S/S 2014, patterns have become more geometric, but colors are still bright. Picture by Giovanni Gastel. Jacket by Etro and scarf by Alexander McQueen.

FASHION WEEK MILANO – LONDRA – PARIGI: LA SELEZIONE INEDITA E ANTI CONVENZIONALE DI FEDERICO POLETTI PER THE MEN ISSUE

Alexander McQueen

 

Il tour de style (e anche un po’ tour de force) della moda procede secondo tappe ben definite: s’inizia da New York, poi Londra per passare a Milano e last but not least Parigi, dove è appena finita ieri la fashion week forse più intensa per numero di sfilate, presentazioni e fiere. Ogni città mostra un DNA stilistico, offrendo indicazioni su come vestiranno le donne per la prossima stagione.

Partendo da Londra, da sempre riconosciuta per una creatività più eccentrica e sperimentale, oggi la moda sembra aver preso una direzione più “commerciale”. Il rischio è percorrere una via di mezzo che potrebbe lasciare molti un po’ indifferenti o almeno perplessi. E’ un dato di fatto: Londra è oggi la capitale, dove molti firma vogliono essere presenti. Tra le griffe italiane Moschino Cheap&Chic ha sfilato con una collezione all’insegna del rosa e del rock’n roll. Abiti ironici, come le pellicce oversize e i maglioni con punto interrogativo, ma soprattutto gli accessori sempre scanzonati che sono in perfetto London Style. Londra ha fatto crescere la propria scuderia di giovani ed è oggi più combattiva che mai. Christopher Kane ha esordito con uno show di 60 look con i temi più differenti, dal camouflage al grafico, passando per il motivo floreale, uno zelo stilistico che segna il suo esordio con il gruppo PPR. Nel perseverare col tema stampe, tratto che caratterizza la scena inglese, il duo Peter Pilotto ha sviluppato motivi caleidoscopici utilizzando tecniche 3D, che rendono abiti e capispalla immediatamente riconoscibili.Sulla strada del “think print”, è da sempre il lavoro di Mary Katranzou, stilista greca con base a Londra, che colpisce sempre per magia e forza espressiva. Famosa per il modo in cui tratta disegni e stampe, per questa stagione la designer si è dedicata ai paesaggi dai toni scuri e con pochi colori. La Katranzou si è ispirata ai lavori fotografici di Edward Steichen e Alfred Stieglitz, sviluppando una poeticaimpressionista in bianco/nero senza trascurare la ricerca disilhouette e volumi inediti. Tra le sorprese della London Fashion Week Tom Ford ha sfilato per la prima volta spiazzando gli astanti con un mix di stili e ispirazioni che hanno lasciato tutti un po’ perplessi (il confine con kitsch è davvero vicino, quasi impalpabile). Una Londra in grande spolvero, ma poco underground, oggi più vicina a Milano di quanto si potesse immaginare un tempo.

Così nel passaggio a Milano – oltre ai numi tutelari che diffondono l’atteso e sacro verbo dello stile, come Prada, Dolce&Gabbana, Gucci e Armani – la parola d’ordine sembra essere stata: spazio ai giovani. Mai come in questa fashion week milanese i nuovi talenti sono stati protagonisti: da SUPER nuova fiera organizzata da Pitti Immagine e Fiera Milano a White con la mostra-omaggio al colore blu di Renato Balestra, fino alle passerelle.  Andrea Incontri ha presentato una collezione che evoca una femminilità delicata e dal sapore retrò: tubini morbidi e mai costrittivi, gonne svasate, pantaloni ampi e abiti lunghi dalla scollatura a V. Fantasie floreali effetto tappezzeria sfoggiano colori polverosi memori di un passato da ricordare. Abiti pensati per una donna passionale e dalla personalità intrigante. Sempre ricercata per il mix di materiali e lavorazioni è stata la collezione di Gabriele Colangelo, che si è ispirato all’artista Laurent Segretier e alle mille possibilità espressive del pixel. Tra i giovani promettenti e al centro dei riflettori milanesi è Fausto Puglisi, che oltre alla propria label, ha debuttato anche a Parigi come direttore creativo di Emanuel Ungaro.  La sua moda gioca sulla contrapposizione di forme e di stilemi noti, una certa ridondanza decorativa sempre riconoscibile. Un mix and match audace: le righe rugby del pull di lana si mixano al panno a stampa tartan arricchito da ricami di pietre, l’abito lungo con profondi spacchi laterali si abbina alla pelliccia e ai leggings stampati. … Continua a leggere →

FOCUS ON MAN FALL/WINTER COLLECTIONS: PRESS DAY

Dal giallo fluo al rosso con forti richiami agli anni ’70. Immancabili: velluto e montgomery. Nuove forme e materiali per gli accessori.

Since strong yellow to bright red with deep echos from the 70’s. Inevitably velvet and montgomery. New shapes and materials for accessories.

Abito tre pezzi in velluto millerighe, camicia micro check e cravatta in maglia di cachemire Ermenegildo Zegna

Vitaminiche le bluse tecniche di Stone Island

Maglione in lana a trecce, Chiussi

Super settanta il cardigan in lana e shearling di Coast + Weber + Ahaus

Preppy: Montgomery in panno rosso, maxi sciarpa e stingate in pelle nera Marina yachting

Stringate in pelle con frange a taglio obliquo, Giuliano Fujiwara

High top sneakers metallizzate e in pelle scamosciata, Puma by Alexander McQueen